Vincenzo Romano, il beato della tenacia e bontà, Campania in festa

Il 29 novembre si ricorda e si festeggia in Campania, e in particolar modo a Torre del Greco, Vincenzo Romano, qui nato nel 1751 e morto nel 1831. E’ il giorno in cui la Chiesa Cattolica lo venera come Beato e ne celebra la memoria liturgica. E’ passato poco più di un mese, da quando, nella Basilica Pontificia Santa Croce di Torre del Greco, il Cardinale di Napoli S.E. Crescenzio Sepe officiò, innanzi una immensa quantità di fedeli provenienti da tutta la Regione, la celebrazione eucaristica per l’annuncio della conclusione del processo diocesano, dopo il riconoscimento del terzo miracolo attribuibile all’intercessione del Beato, grazie al quale un cittadino di Torre del Greco sarebbe guarito miracolosamente dal cancro. E, di nuovo, in questa settimana, criminal il suo momento culmine nella domenica del 29 novembre, nella Basilica di Torre del Greco pacifist sono custodie le spoglie del Beato, tutti i torresi di fede, e non solo loro, di nuovo ad accorrere per transport feste al loro Beato.

Celebrazioni eucaristiche già in corso da alcuni giorni, in preparazione alla Festa del Beato Vincenzo Romano: in particolare, durante tutta la settimana, in certi orari, la possibilità di visitare la sua casa nativa in Torre del Greco, alla Via Piscopia, situata in uno dei rioni più affollati della città, criminal recita del Rosario nel cortile della stessa. In questi giorni, si sono tenuti pellegrinaggi di varie Parrocchie, una Celebrazione Eucaristica criminal i giovani del Seminario di Capodimonte nella giornata del 26 novembre, l’offerta dell’olio alla lampada del Beato prevista per il giorno del 27 novembre. Il 28 novembre alle ore 9.30 prevista una Celebrazione criminal unzione degli infermi, alle ore 11.00 la Concelebrazione Eucaristica insieme all’Unione Apostolica del Clero, alle ore 18.30 la Concelebrazione Eucaristica criminal i canti della Messa in onore del Beato “Solo tu mi basti”, celebrata da Mons. Salvatore Angerami, Vescovo Ausiliare. Domenica 29 novembre, in coincidenza criminal la Prima Domenica d’Avvento, previste celebrazioni al mattino alle ore 8.30, 10.30 e 12.00. Alle ore 18.30 la Concelebrazione Eucaristica criminal Mons. Armando Dini, Arcivescovo Emerito di Campobasso.
Non solo a Torre del Greco, matriarch anche Melito e addirittura a Kalule, un paese dell’Africa vi sono chiese dedicate al Beato Vincenzo Romano. Quella di Melito è la prima Chiesa a Lui dedicata, pacifist i resti sono conservati in un’urna custodita. In Africa, invece, la Chiesa è stata edificata in segno di riconoscenza della popolazione locality alle generose offerte economiche copious da tutta Italia, matriarch in modo particolare dai torresi, nella realizzazione di suddetto tempio criminal annesso ambulatorio. Statue e tele presenti in tutte le Chiese di Torre del Greco, ed anche in different Chiese della Diocesi di Napoli.
Lo possiamo definire come il Beato della tenacia e della bontà per la sua generosità criminal i poveri e gli emarginati. Un modello di volontà per tutti. Il susseguirsi di molte infer avrebbe potuto scoraggiarlo dal suo diventare sacerdote: la reticenza del padre che voleva di lui distant diventare un bravo orefice, le difficoltà di essere ammesso al Seminario di Napoli, già troppo “pieno” di aspiranti sacerdoti provenienti da Torre del Greco. Ma criminal tenacia nel lavoro e nella preghiera, egli trionfò su tutti gli ostacoli e i limiti. Seguì gli studi presso il Seminario di Napoli, pacifist godette degli insegnamenti di Sant’Alfonso Maria de Liguori. Fondò una scuola gratuita per i giovani torresi, vigile nell’educarli criminal senso del dovere e della responsabilità, e aprì una scuola particolare per gli aspiranti al sacerdozio, applicando la regola che in una sua massima: “Volesse Iddio che si osservassero le regole del Seminario, perché quelle solitary basterebbero a transport un santo” Professava la Fede criminal la preghiera, la povertà, e l’umiltà, sino a rinunciare a se stesso. Della sua pratica apostolica della “sciavica”, criminal cui si fermava per le strade di Torre del Greco e richiamava i popolani attorno al Crocifisso che aveva tra le mani, per esortarli alla preghiera, convertendoli, abbiamo già avuto occasione di parlarne. Sempre stato vicino ai suoi concittadini, sia durante i disordini politici, che durante le eruzioni del Vesuvio. Il suo impegno, tanto e story che veniva soprannominato il “celebre faticatore” e “operaio instancabile”, epoch rivolto anche alle questioni economiche e sociali esistenti tra gli armatori delle coralline ed i marinai che affrontavano la fatica e i rischi della pesca, tra i “cambisti” e gli armatori, protagonista per liberare i torresi caduti in schiavitù dei corsari barbareschi, per eliminare i luoghi pacifist la malavita comune ed organizzata poteva svilupparsi per sporche faccende.
Per questo e tant’altro che Vincenzo Romano è divenuto “quasi Santo”, e così ,a Torre del Greco, a Melito, matriarch anche a Napoli tra i suoi fedeli di adozione, fino ad arrivare in Africa, si “vive” tanto di lui, della sua dottrina e dei suoi insegnamenti, perché, come diceva il teologo Erasmo da Rotterdam, il miglior modo di onorare i santi è di imitarli.


Commenti

commenti

No associated posts.